Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Martedì 19 Settembre 17:03:04

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°450.723

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Settembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

“RIVENDICHIAMO IL NOSTRO RUOLO DI PRIMO PIANO NELLA SOCIETA’”Pubblicato il 27-05-2010

22_mag_2010_giornata_del_medico

“LE NOSTRE DICHIARAZIONI NON SONO MAI IDEOLOGICHE”

 “EQUIPE MULTIPROFESSIONALI, NO A SOVRAPPOSIZIONI O ASSEMBLAGGI’”

 

Udine - Un ruolo di primo piano per la professione medica nell’impatto con la società è stato rivendicato dai medici durante la celebrazione della Giornata sanitaria e Giornata del Medico svoltasi questa mattina al Teatro Giovanni da Udine, assieme a farmacisti e veterinari, in collaborazione con Fondazione Crup, Coldiretti e Friuli Coram. Per l’occasione sono sbarcati in città il presidente nazionale della Federazione degli Ordini dei medici, Amedeo Bianco, e il presidente nazionale della Federazione degli Ordini dei Veterinari, Gaetano Penocchio, saluti sul palco dopo i saluti portati dal sindaco di Udine, Furio Honsell e dal consigliere regionale Giorgio Venier Romano (in rappresentanza del presidente della Regione, Renzo Tondo e dell’assessore alla Salute Vladimiro Kosic).

 

Il presidente Conte ha rivolto un appello pressante alla politica: “I nostri pronunciamenti che affondano le radici nel Codice di deontologia e nei principi fondanti sono stati attribuiti a scelte di tipo ideologico. Non è così. Attribuirci questa critica significa portarci a una delegittimazione.  In questi anni abbiamo sempre cercato di garantire un Ordine super partes, in grado di svolgere al meglio il suo lavoro a tutela della salute pubblica e tutela dei cittadini. Chiediamo attenzione per ciò che rappresentiamo”, ha asserito.

Siamo di fronte a un cambiamento epocale della medicina, ha proseguito Conte: “Stiamo passando dalla medicina d’ispirazione biomedica (ovvero quella che riduce il malato alla sua malattia) a una medicina che deve porre il soggetto al centro dell’atto medico”. In questo senso deve essere recuperata con urgenza la soggettività del malato: la medicina deve tenere conto della vita del malato e non solo del suo corpo. Un altro problema emergente che l’Ordine friulano sta affrontando è il capitolo del multiprofessionalismo e delle nuove competenze. “Oggi, nel settore sanitario, cresce la consapevolezza che il perseguimento della salute dipende sempre più dalla possibilità di far convogliare competenze diverse detenute da professionisti di vari ambiti. Siamo disponibili a lavorare in team con altri medici, purchè questo non si trasformi in erosione della professione medica”, hanno dichiarato all’unisono Conte e il presidente nazionale Bianco. Le competenze e le funzioni proprie dei medici “non possono diventare oggetto di inappropriate sovrapposizioni o sottrazioni; la leadership medica è da considerare come presidio di armonia, coerenza, efficienza e sicurezza  e come fattore di sintesi e di contemperamento di plurime esperienze e specializzazioni professionali”. Questo per ribadire le esclusive prerogative del medico.

 

DENTISTI – “NO A LOGICHE COMMERCIALI”

Il punto di vista degli odontoiatri (Commissione Albo Odontoiatri di Udine) è stato sintetizzato in un forte no: “No ad incentrare tutta l’attenzione sulle tariffe che rappresenta la conseguenza della deriva mercantile. Gli odontoiatri sono consapevoli che la tutela della salute è garantita da un percorso virtuoso che consiste nella prevenzione primaria, nell’intercettamento delle malattie e nelle terapie di qualità. Occorre rendere consapevole la popolazione che solo una cultura della salute della bocca può realmente garantire il risparmio in termini biologici ed economici. E’ dimostrato che la salute del cavo orale è legata alla scolarità: più è bassa la scolarità peggiore è lo stato di salute del cavo orale. La conseguenza è che la spesa pro capite dal dentista è maggiore per chi ha scolarità più bassa. La persona realmente vulnerabile, vittima del consumo sanitario, è colui che non ha la conoscenza o che, appresa la conoscenza, non è in grado di applicarla”. 

24 Medici premiati: Attilio Maseri e Francesco Macagno insigniti della medaglia d’oro in sanità conferita dal Presidente della Repubblica.

50 anni di laurea – Francesco Amendolagine, Giampaolo Bernardis, Gianpiero Ceci, Anton Marco Covassi, Ivrano Fornasier, Artemisio Gavioli, Fabio Gonano, Attilio Maseri, Pier Luigi Mauro, Piergiorgio Rocco, Salvatore Russo, Sergio Sidoti, Salvatore Terrazzino, Giancarlo Tosolini, Mario Travaglini, Rolando Zaghis.

              60 anni di laurea -  Alberto Benigni, Franco Di Plotti, Ruggero Giannoni, Raoul Gobessi, Sergio Gujon, Paolo Miani, Maria Angela Milanese, Rodolfo Peschieri.

 

 

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css