Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Martedì 19 Settembre 17:23:38

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°450.724

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Settembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

Peggioramento del visus a seguito di terapia laserPubblicato il 07-10-2011

Il fatto
A seguito di gravi disturbi visivi, al paziente veniva proposto un trattamento laser a diodi per cercare di contrastare la patologia, eseguito l'intervento sopraggiungeva un gravissimo calo visivo. L'uomo, collegando il danno patito al cattivo esito del trattamento, agiva per ottenere il risarcimento del danno.

Il diritto
In sede di giudizio l'attenzione veniva appuntata sulla tecnica esecutiva dell'intervento, potendo solo in essa ravvisarsi o meno fattori di responsabilità. La consulenza espletata aveva posto in evidenza la rilevabilità di una traccia cicatriziale singola sul tessuto retinico, traccia lasciata certamente da un singolo spot luminoso. Al centro della consulenza, fin dal momento della formulazione dei questi, veniva posta l'ipotesi di una scorretta esecuzione dell'operazione e, in particolare, dell'emissione di uno spot laser con potenza inadeguata in eccesso. I consulenti chiarivano che la strumentazione che incorpora il laser a diodi è conformata in modo da non consentire un facile e potenzialmente accidentale accesso alla regolazione della potenza del laser. Essendo l'operazione eseguita con la tecnica "a griglia", l'eventuale sovradosaggio di potenza avrebbe dovuto lasciare tracce cicatriziali in relazione a tutti gli spot, considerata l'estrema improbabilità di una singola emissione incostante; quindi, in caso di emissione inadeguata, anche un operatore di esperienza appena sufficiente avrebbe potuto osservare la reazione cutanea inadeguata. A contrasto con le difficoltà prospettate della tesi della singola emissione di eccessiva potenza, il fenomeno della formazione di una singola traccia cicatriziale era pienamente compatibile con una maggior reattività locale del tessuto inciso, fattore casuale, non conoscibile ex ante.

Esito del giudizio
Il Tribunale di Genova ha rigettato la richiesta risarcitoria escludendo la responsabilità degli operatori.

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css