Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Martedì 19 Settembre 15:37:10

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°450.710

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Settembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

Errore diagnostico del medico curantePubblicato il 04-05-2012

Il fatto
Il Tribunale di Rovereto ha affermato la responsabilità penale dell'imputato in ordine al reato di omicidio colposo, condannandolo, inoltre, al risarcimento del danno nei confronti delle parti civili. La pronunzia è stata successivamente confermata dalla Corte d'appello di Trento e di seguito impugnata dinanzi alla Suprema Corte. All'imputato, medico curante della vittima, è stato mosso l'addebito di aver escluso in due successive visite che i riferiti persistenti dolori al petto fossero determinati da problemi cardiaci e di aver per contro diagnosticato una semplice gastrite e problematiche ansiose, così escludendo una più approfondita visita ospedaliera erroneamente ritenuta superflua. Per effetto di tali errori diagnostici il paziente si è recato in ospedale ove poco dopo è deceduto in seguito a infarto del miocardio in corso ormai da diversi giorni.

Il diritto
La Suprema Corte ha confermato il percorso motivazionale seguito dai giudici d'appello. La pronunzia ha posto in evidenza che l'imputato, da lunghi anni medico curante del paziente, lo aveva visitato una prima volta e aveva diagnosticato una patologia gastrica con prescrizione di pertinente terapia prontamente acquistata e somministrata; aveva inoltre suggerito una visita cardiologica ma senza alcuna indicazione di urgenza. Aveva poi nuovamente visitato l'uomo, aggiungendo ai farmaci gastroprotettivi anche dei sedativi. Il paziente in condizioni sempre più gravi ha fatto accesso al Pronto soccorso ospedaliero e poco dopo è intervenuto il blocco cardiaco letale. I giudici di merito hanno considerato l'approccio terapeutico e diagnostico del sanitario come erroneo tanto da aver condotto il paziente alla morte. Il medico tenne un suo comportamento negligente e imperito, non indirizzando la diagnosi verso accertamenti connessi a patologia cardiocircolatoria. Mentre un adeguato inquadramento clinico, già in occasione del primo esame, avrebbe condotto a esito fausto il trattamento del caso.

Esito del giudizio
La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso proposto dall'imputato

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css