Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Lunedì 20 Novembre 22:18:02

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°459.929

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Novembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

Anche chirurgo risponde di anestesia inadeguataPubblicato il 02-10-2012

Il fatto
Con sentenza della Corte d'appello di Lecce è stata confermata la pronuncia del Tribunale di Brindisi che a carico di due sanitari dichiarava sussistere la responsabilità per il delitto di omicidio colposo in danno di una paziente deceduta a seguito di «grave insufficienza respiratoria da massiva aspirazione di materiale gastroenterico; polmone da shock; insufficienza renale con oligo-anuria; anasarca massivo; alterazioni elettroniche; arresto cardiaco».
La vicenda, ri costruita dettagliatamente nel testo della sentenza, ha condotto i periti ad affermare che la donna durante il ricovero presso una struttura sanitaria non fu sottoposta ad adeguato trattamento: non fu posta una corretta diagnosi di subocclusione intestinale (poi evoluta in grave occlusione intestinale: patologia invero benigna e di facile risoluzione, gestibile in un reparto di chirurgia di una struttura sanitaria anche non specialistica) né furono adottati i procedimenti terapeutici più idonei per tentare di scongiurare le complicanze poi sopravvenute. L'omessa diagnosi della subocclusione intestinale e dell'occlusione intestinale grave al pari di quella di polmonite ab ingestis preoperatoria oltre alla mancata adozione di adeguati e tempestivi interventi terapeutici hanno costituito la causa dell'ulteriore episodio sopravvenuto di aspirazione di materiale gastro-enterico nelle vie respiratorie da cui è derivata grave insufficienza respiratori a ed il successivo scompenso cardiocircolatorio e renale che causò il decesso della paziente quale evento causalmente collegato alle succitate omissioni.

Il diritto
La Corte di cassazione, in relazione alla posizione del chirurgo imputato ha evidenziato come le omissioni riconducibili al sanitario abbiano integrato altrettanti antecedenti causali dell'evento, incombendo sul professionista comunque la verifica delle condizioni di adeguata preparazione anestesiologica del paziente ai fini dell'esecuzione dell'intervento, fermo l'obbligo di procrastinarlo o comunque di soprassedere in caso contrario alla stregua del corretto svolgimento dell'attività medico - chirurgica in équipe.

Esito del giudizio
La Corte di cassazione ha rigettato il ricorso proposto dai sanitari ai fini civili, annullando la sentenza di condanna in appello ai fini penali per l'intervenuta prescrizione del reato

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css