Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Domenica 24 Settembre 23:16:16

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°451.486

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Settembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

L'indennità di trasferta d'urgenza dei dipendenti va riconosciutaPubblicato il 17-12-2012

Il fatto
Alcuni dipendenti di una azienda sanitaria, con mansioni di addetti alle pulizie, a seguito della assegnazione in mobilità d'urgenza presso altra struttura ospedaliera, hanno proposto ricorso per ottenere il riconoscimento del diritto all'indennità di trasferta ed al risarcimento del danno biologico. Cessata l'urgenza, l'Azienda aveva tra l'altro prorogato l'assegnazione e successivamente appaltato a una ditta esterna i lavori di pulizia senza riattribuzione delle mans ioni originarie presso la sede di provenienza.

Il diritto
La Suprema Corte, chiamata a decidere la controversia a seguito del ricorso proposto dai dipendenti contro la sentenza d'appello, ha osservato che nell'ambito dello specifico contesto fattuale, non poteva omettersi la considerazione che una indennità sicuramente doveva essere corrisposta per il periodo di permanenza delle esigenze transitorie che giustificavano l'assegnazione lavorativa presso azienda ospedaliera diversa da quella originaria, distante da quest'ultima più di dieci chilometri.
Ai fini della configurazione della trasferta del lavoratore, cui consegue il diritto a percepire la relativa indennità, che si distingue dal trasferimento il quale comporta l'assegnazione definitiva del lavoratore ad altra sede diversa dalla precedente, è necessaria la sussistenza del permanente legame del prestatore con l'originario luogo di lavoro, mentre restano irrilevanti, a tal fine, la protrazione dello spostamento per un lungo periodo di tempo e la coincidenza del luogo della trasferta con quello di un successivo trasferimento, anche se disposto senza soluzione di continuità al termine della trasferta medesima.

Esito del giudizio
La Corte di Cassazione, ha cassato la pronuncia di secondo grado sfavorevole ai dipendenti, rinviando alla Corte d'appello di Roma in diversa composizione.


Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css