Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Martedì 19 Settembre 15:18:42

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°450.709

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Settembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

Asportazione errata: principio affidamento non discolpaPubblicato il 11-01-2013

Il fatto
Una paziente sottopostasi a visita ginecologica presso uno studio medico privato a distanza di una quindicina di giorni, secondo le indicazioni che lo specialista le aveva dato, si è recata presso una casa di cura dove lo stesso sanitario avrebbe dovuto eseguire, in laparoscopia, l'asportazione dell'ovaio destro, affetto da una cisti. Il medico addetto all'accettazione aveva  trascritto sulla cartella che l'intervento avrebbe dovuto interessare l'ovaio sinistro: né il chirurgo né il suo aiuto avevano effettuato alcuna verifica e in conclusione si procedeva all'erronea asportazione dell'ovaio non interessato dalla patologia, così procurando l'indebolimento permanente dell'organo preposto alla procreazione. Il Tribunale ha emanato sentenza di condanna confermata in appello. Col ricorso per cassazione gli imputati hanno ampiamente censurato le pronunce precedenti. In particolare lo specialista ha tra gli altri aspetti osservato che l'asserto secondo il quale l'errore esecutivo si sarebbe evitato ove i chirurghi avessero consultato anche durante l'intervento la documentazione sanitaria supportante il trattamento terapeutico, trovava smentita nel principio di affidamento e in quello della medicina dell'evidenza. L'operatore, quanto al primo principio, non poteva non fidarsi dell'attività svolta dai medici che in precedenza si erano occupati del caso e, quindi, nella specie, dell'operato del medico  che aveva raccolto i dati anamnestici e le indicazioni diagnostiche in sede di acc ettazione della paziente.

Il diritto
Nel caso specifico è stata negata rilevanza al principio dell'affidamento che non può essere invocato a discolpa in spregio alla regola minima di prudenza e diligenza essendo intervenuta l'asportazione chirurgica  sulla base di una mera annotazione cartacea, pur proveniente dal medico addetto all'accettazione, senza far luogo in sede preparatoria all'agevole, rapido e sicuro riscontro ecografico

Esito del giudizio
La Corte di Cassazione ha rigettato i ricorsi

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css