Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Domenica 24 Settembre 23:08:13

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°451.485

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Settembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

Obbligo di aggiornamento professionale e sanzioni disciplinariPubblicato il 25-05-2015

FATTO: Il Presidente del Consiglio Notarile di Cuneo formulò alla Commissione Regionale di Disciplina per il Piemonte e la Valle d'Aosta richiesta di apertura di procedimento disciplinare contro il notaio dr. T., ai sensi dell'art. 147, lett. b, della legge notarile, assumendo che lo stesso non avrebbe raggiunto, per il biennio 2008/2009, il punteggio minimo di "crediti formativi" richiesto dal regolamento sulla formazione professionale permanente, richiamato dall'art. 2 del codice deontologico.La Commissione emise in data primo dicembre 2012 provvedimento con il quale applicò la sanzione dell'avvertimento. Avverso tale decisione propone ricorso per cassazione il T. sulla base di tre motivi illustrati da memoria. Resiste con controricorso l'intimato.

 

DIRITTO: L'obbligo per i notai di curare la preparazione professionale scaturiva dal combinato disposto della normativa statale e di quella regolamentare che integrava la prima che ad essa rinviava. Ed invero, la L. n. 577 del 1949, art. 2, come modificata dalla legge n. 220/1991 , prevedeva che "il Consiglio notarile elabora i principi di deontologia professionale"; in virtù di tale potestà, il Consiglio aveva previsto all'art. 2 del codice deontologico l'obbligo per i notai di curare la preparazione professionale; con il testo del regolamento approvato nella seduta del 9 settembre 2005, ed entrato in vigore il 1 gennaio 2006, successivamente integrato e modificato, era stato introdotto il sistema dei crediti formativi; tale regolamento era attuazione ed integrazione delle disposizioni dei principi di deontologia professionale. In sostanza la disciplina che, con normazione terziaria, dettava le modalità dell'aggiornamento professionale trovava fonte: a) nella legge che aveva demandato al Consiglio Nazionale la elaborazione del codice deontologico; b) nel codice deontologico elaborato in virtù della già ricordata normativa statale che come si è detto aveva previsto; c) nel regolamento per la formazione permanente che, in attuazione del potere (Ndr: testo originale non comprensibile) e del codice deontologico nel testo approvato nel 2004, specificava il contenuto dell'obbligo relativo all'aggiornamento professionale, stabilendone le modalità.D'altra parte, come si è già visto, la sanzione dell'inosservanza a doveri professionali era sanzionata dall'art. 147, lett. b) della legge notarile secondo il testo introdotto dal D.Lgs. 1 agosto 2006, n. 249, art. 30, nel testo introdotto in virtù della legge delega. Il ricorso va rigettato.

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css