Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Mercoledì 22 Novembre 6:09:47

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°460.156

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Novembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
303112345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930123
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

Responsabilità medica Pubblicato il 31-07-2015

E’ esclusa una condotta colposa del cardiologo che ha visitato la vittima ed ha suggerito approfondimenti diagnostici che sono stati sempre trascurati dal paziente, anche quando la situazione si era aggravata tanto da richiedere il ricovero in pronto soccorso. E’ evidente che nessuna colpa può attribuirsi all'imputato visto che la vittima non ha seguito i suggerimenti anche scritti.

 

FATTO: Il Tribunale di Viterbo ha emesso sentenza di non luogo a procedere ex art.. 425 c.p.p.. nei confronti dell'imputato in ordine al reato di omicidio colposo in danno di P.P. All'imputato, medico cardiologo, è stato mosso l'addebito di non aver sottoposto ad adeguati approfondimenti clinici e strumentali il paziente nel corso del 2008 e fino al 13 settembre 2010, quando la vittima decedeva per effetto di grave patologia cardiaca non diagnosticata né trattata. Ricorre per cassazione il Procuratore generale della Repubblica. Si assume che è pacifica la causa della morte: aritmia con ischemia cardiaca secondaria ad aterosclerosi coronarica. Il perito, in incidente probatorio, ha rimarcato la rilevanza ed erroneità della mancata sottoposizione ad elettrocardiogramma da sforzo che avrebbe reso evidente, con elevata probabilità, il disturbo coronarico.

 

DIRITTO: La sentenza considera che dalla disposta perizia emerge che una terapia antiaggregante avrebbe ridotto il rischio connesso alla placca coronarica in misura modesta. Inoltre è emerso che l'imputato aveva visitato il paziente una o due volte, due anni prima del decesso; e in una nota indirizzata al professor M. aveva segnalato l'opportunità di esami strumentali più approfonditi. Il paziente non vi si sottopose mai e li rifiutò esplicitamente in occasione di un accesso al pronto soccorso nel 2009, Dunque, secondo il giudice, è evidente che nessuna colpa può attribuirsi all'imputato visto che la vittima non ha seguito i suggerimenti anche scritti; ciò anche perché il paziente manifestava dolori da un anno ma in occasione di accesso al pronto soccorso il giorno 21 agosto 2009 rifiutò sia il ricovero sia la consulenza cardiologica, Ciò posto, si esclude il nesso causale tra gli accertamenti prescritti dal ricorrente, mai eseguiti e successivamente rifiutati ed il decesso del povero giovane. Di qui l'assoluzione perché il fatto non sussiste).

Relatore: Marcello Fontana Ufficio Legale FNOMCeO

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css