Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel. 0432 504122

Martedì 19 Settembre 15:32:09

OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

AREA RISERVATA

email:

password:

visita n°450.710

Registrati

Medidrug Isabel Pagopa Fnomceo_ebsco

Calendario Eventi

«Settembre 2017»
LuMaMeGiVeSaDo
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
numero verde 800 435110 OMCEO: Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Udine

Link ad altri siti:

Enpam Onaosi

Danno demansionamento: no a liquidazione simbolicaEvento del 03-03-2010

Cassazione Civile - Sez. Unite

Un pubblico dipendente a seguito di un ordine di servizio, conseguentemente all'assenza del titolare, aveva assunto funzioni vicarie con poteri di firma e coordinamento, ed aveva retto l'ufficio. A seguito di trasferimento, era stato costretto ad una quasi totale inattività e al disimpegno di compiti di addetto alle informazioni generali sulle competenze dell'ufficio, addetto al protocollo della corrispondenza, tanto da essere colpito da vari disturbi di natura psico-somatica che lo avevano indotto, infine, al pensionamento. Domandava, perciò, la condanna del datore di lavoro al pagamento delle differenze retributive per lo svolgimento delle mansioni superiori e il risarcimento del danno professionale, biologico ed esistenziale "da mobbing" in conseguenza del successivo demansionamento. Una volta accertato il demansionamento professionale del lavoratore, il giudice del merito desumeva l'esistenza del relativo danno in base ad una valutazione presuntiva, riferendosi alle circostanze concrete della operata dequalificazione; e ciò in conformità al principio enunciato dalla Corte di Cassazione secondo cui il danno conseguente al demansionamento va dimostrato in giudizio con tutti i mezzi consentiti dall'ordinamento, assumendo peraltro precipuo rilievo la prova per presunzioni, per cui dalla complessiva valutazione di precisi elementi dedotti (caratteristiche, durata, gravità, frustrazione professionale) si possa, attraverso un prudente apprezzamento, coerentemente risalire al fatto ignoto, ossia all'esistenza del danno, facendo ricorso, a quelle nozioni generali derivanti dall'esperienza, delle quali ci si serve nel ragionamento presuntivo e nella valutazione delle prove. Pertanto, la riduzione del danno professionale ad una misura "poco più che simbolica" è stata ritenuta fondata su valutazioni inadeguate. (Avv. Ennio Grassini

Indietro

Omceo Udine: Viale Diaz, 30 - 33100 Udine - Tel.: 0432 504122 - Fax: 0432 506150 - email:  - PEC - CF: 80002030304 - Privacy e Cookie

Xhtml Css