Educazione Continua in Medicina

L’ECM è il processo attraverso il quale il professionista della salute si mantiene aggiornato per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze del Servizio sanitario e al proprio sviluppo professionale.

La formazione continua in medicina comprende l’acquisizione di nuove conoscenze, abilità e attitudini utili a una pratica competente ed esperta.

I professionisti sanitari hanno l'obbligo deontologico di mettere in pratica le nuove conoscenze e competenze per offrire una assistenza qualitativamente utile. Prendersi, quindi, cura dei propri pazienti con competenze aggiornate, senza conflitti di interesse, in modo da poter essere un buon professionista della sanità.

L’avvio del Programma nazionale di ECM nel 2002, in base al DLgs 502/1992 integrato dal DLgs 229/1999 che avevano istituito l’obbligo della formazione continua per i professionisti della sanità, ha rappresentato un forte messaggio nel mondo della sanità. La nuova fase dell’ECM contiene molte novità e si presenta quale strumento per progettare un moderno approccio allo sviluppo e al monitoraggio delle competenze individuali.

Immagine introduttiva dell'articolo

Si informa che la Commissione Nazionale per la Formazione Continua (CNFC) in data 15/04/2022 ha pubblicato quanto deliberato nel corso delle riunioni del 24 febbraio e 24 marzo in materia di "vaccini e strategie vaccinali" e di "sperimentazioni cliniche".

In materia di vaccini è stato riconosciuto di attribuire ai professionisti sanitari, che nel triennio in corso (2020-2022) acquisiscano crediti ECM in materia di vaccini e strategie vaccinali, un bonus per il prossimo triennio formativo (2023-2025) pari al numero dei crediti effettivamente conseguiti nel triennio attuale nelle predette tematiche, fino ad un massimo di 10 crediti.

Relativamente alle sperimentazioni scientifiche che la CNFC ha stabilito "la modifica della rubrica del paragrafo 3.3.2 del Manuale sulla formazione del professionista sanitario in "Studi e ricerche" ed il contenuto dello stesso è stato così riformulato:

Riceviamo dalla FNOMCeO una comunicazione di data 30/05/2019 con la quale ci comunica la situazione crediti ECM degli Iscritti al nostro Albo.

Si rileva che un cospicuo numero di Iscritti non è in regola con l’assolvimento dell’obbligo di cui all’art.16 quater del D.Lgs 502/92 e s.m.i. che dispone che la partecipazione alle attività di formazione continua costituisce requisito indispensabile per svolgere l’attività professionale in qualità di dipendente per conto delle aziende ospedaliere, delle Università, delle unità sanitarie locali e delle strutture sanitarie private o di libero professionista.

La Commissione nazionale per la formazione continua (CNFC), nel corso della riunione del 23 settembre 2021, ha adottato la delibera, che si allega, in materia di dossier formativo (DF individuale e DF di Gruppo), uno strumento che consente al singolo professionista di creare un’agenda formativa personalizzata in base al proprio fabbisogno, nonché di essere parte di un percorso di gruppo che aiuti la crescita professionale in una logica di lavoro di squadra, coniugando bisogni professionali dell’individuo, esigenze del gruppo e necessità dell’organizzazione.

In particolare, la delibera prevede le seguenti novità:
• aggiornamento delle disposizioni in materia di dossier formativo al triennio 2020-2022;
• possibilità di costituire il dossier formativo in tutti e tre gli anni del triennio;
• possibilità di modificare il dossier formativo una sola volta per ciascun anno del triennio di riferimento, a partire dall’anno di costruzione.

Immagine introduttiva dell'articolo

E' stato reso disponibile dalla FNOMCeO e a cura del Dott. Alessandro Nisio della CAO Nazionale, un rapido vademecum per poter fare chiarezza sull'obbligo formativo del triennio che si concluderà alla fine di quest'anno.

pdf Nuovo Vademecum rapido su ECM (3.73 MB)